Oggi, Martedì 2 Agosto 2016, a più di un anno dal rilascio del suo ultimo OS, Microsoft inizierà a rilasciare Windows 10 Anniversary Update. Vediamo quali sono le novità di questo grande aggiornamento:

  • Cortana è più intelligente: essa permette di riprogrammare gli appuntamenti se abbiamo l’agenda piena e di dialogare anche con gli altri software nel sistema operativo. Cortana non è un’esclusiva di Windows 10, infatti già da tempo la voce sintetica di Redmond ha bussato alla porta degli altri dispositivi mobile. E dal 2 agosto, farà da ponte di collegamento con Windows 10. Se l’avremo installata sullo smartphone, potremo visualizzare le notifiche sul pc fisso o sul portatile attraverso il nuovo Action Center. Cortana consentirà di spostarsi tra i diversi device, tenendo conto delle abitudini degli utenti e sarà in grado di leggere e ricordarci i nostri appunti. È sempre disponibile e, per risvegliarla, tra poco basterà pronunciare “Ehi Cortana” anche dalla schermata di blocco del sistema. L’integrazione tra device è una delle sfide del 2016, e anche Apple con il prossimo sistema operativo Mac Os Sierra ci proverà, però al contrario della scelta «aperta» di Microsoft, qui la condivisione avverrà solo con in dispositivi della Mela. C’è però un lato negativo nella scelta di Microsoft, perchè con l’Anniversary Update non è più possibile disabilitare Cortana e, poiché essa accede a molte delle nostre informazioni personali, ciò può non piacere a chi è attento alla propria privacy.

 

  • Windows Store migliorato: l’azienda di Redmond sta migliorando l’esperienza d’uso del suo Store. Che, con l’Anniversary Update, ha una nuova interfaccia, con informazioni più dettagliate sulle app, video che ne mostrano il funzionamento, suggerimenti e cronologia dei download.

 

  • Windows Ink: è la novità più visibile dell’Anniversary Update e forse quella che verrà più apprezzata. Windows Ink potenzia la penna digitale dei dispositivi Surface e permette di scrivere su qualunque parte del sistema operativo. Ink è accessibile dalla schermata di sblocco e dalla barra delle applicazioni, e come abbiamo accennato, è tutto integrato con Cortana. Gli appunti scritti con la penna digitale potranno essere ricercati come se fossero testo. Se scriveremo «Ricorda di prenotare il ristorante», l’intelligenza artificiale capirà che si tratta di un promemoria e ci ricorderà della scadenza. Inoltre sarà possibile interagire con righelli e squadre virtuali per tracciare linee dritte e aiutarci nei disegni a mano libera, non sono opzioni riservate a un software specifico, quindi tutti gli sviluppatori potranno creare «app universali» che sfruttano queste funzionalità. Ink può anche essere usato con il nuovo browser Edge e con le note in cloud di OneNote.

 

  • Potenziamento di Hello e Edge: oltre all’integrazione con Ink, ci sono altre novità per il browser Edge. Innanzitutto compaiono le estensioni, da tempo presenti sui più famosi Firefox e Chrome. Come per Windows Store, anche in questo caso il problema riguarda la scarsità di scelta, ma Redmond sta lavorando a un sistema che permetta di convertire le estensioni già presenti su Chrome e usarle anche sul browser di Windows 10. Le notifiche web sono ora integrate con quelle di sistema, e se si possiede uno schermo touch si può navigare avanti e indietro tra le pagine trascinando due dita sul display. Ma la cosa più importante e che si può usare direttamente Windows Hello nel browser, che riconosce il nostro volto o le impronte digitali, e ciò ci risparmierà di inserire password nei siti. Però secondo molti esperti di sicurezza, non è ancora il momento per dimenticarci di usare chiavi d’accesso sicure, infatti Windows Hello nasce solo per fornire nuove opzioni di accesso e per avere un livello aggiuntivo di sicurezza, ma non è da sostituire completamente alle già super sicure modalità di accesso che esistono già. Queste funzionalità ora sono supportate in Edge, quindi basterà la scansione biometrica per entrare nei servizi online, in quelle centinaia di siti in cui siamo registrati e per ognuno dei quali dobbiamo ricordarci nome utente e password. Si tratta di un’esperienza di accesso più semplice e che non compromette la sicurezza.

 

  • Il sistema sarà più sicuro: Anniversary Update sarà anche più sicuro, infatti Windows Defender si avvicina alla completezza di una suite per la protezione del PC. È stato potenziato il motore che individua le minacce informatiche, grazie a una rete in cloud che studia l’evolversi dei malware nel mondo, Defender è in grado di rilevare anche virus sconosciuti. Oltre alle modifiche sotto la carrozzeria, è possibile programmare la scansione del computer cosa che inizialmente non era possibile in Windows 8 e Windows 10. Inoltre è stato migliorato Windows Information Protection, finora noto come «Protezione dei dati aziendali», che permette di tenere separati i documenti di lavoro da quelli personali, inoltre ora permette di tutelare le informazioni aziendali nel caso il nostro pc fosse rubato o manomesso. Forse però è ancora presto per rinunciare a installare un buon antivirus esterno su Windows 10.

 

Infine poi ci sono tanti altri piccoli cambiamenti, il menu start è stato ridisegnato, sulla parte sinistra della finestra, saranno sempre visibili tutte le app installate. Sarà possibile ingrandire o rimpicciolire il menu ed è stata potenziata la funzione di ricerca, che ora trova contenuti anche nei mattoncini «live tiles» dove, di solito, compaiono le notizie. La funzione Desktop Virtuali, inoltre, ora consente di bloccare una finestra tra le diverse aree dello schermo. Inoltre aumentano le possibilità di personalizzazione grafica, è stato introdotto un tema nero, gli sviluppatori potranno usare la console Bash di Linux direttamente da Windows, questa funzione e meno importante per gli utenti comuni, ma sarà apprezzata da chi programma per il web, dove la maggior parte degli strumenti sono pensati per il pinguino.

 

Per il futuro ci sarà da aspettarsi tanto altro, soprattutto a livello di realtà aumentata con l’arrivo sul mercato degli occhiali smart Hololens di casa Microsoft, intanto io vi lascio le ultime news sulle prossime funzionalità che saranno integrate da oggi nel sistema operativo Windows 10 con l’Anniversary Update che sarà rilasciato da Microsoft entro la mezzanotte a tutti gli utenti che utilizzano il suo ultimo sistema operativo, per qualsiasi chiarimento o informazione sono disponibile per rispondervi ai contatti che trovate nel sito, vi auguro un buon proseguimento e noi ci aggiorniamo al prossimo articolo, ciao! 😉

Articoli correlati

Google

Google e le sue reti neurali per la diagnosi del cancro

Google ha deciso di dedicare la propria rete neurale GoogleNet, nata inizialmente per lo sviluppo di software di guida autonoma, per analizzare diverse immagini per riconoscere la presenza o meno del cancro. La capacità di Leggi tutto&ellip;

Google

Google Assistant su iOS di Apple? Probabilmente si risponde Google!

Il product manager di Google Assistant lascia intuire che Google Assistant potrebbe arrivare su iOS anche al di fuori dell’applicazione Allo, l’intenzione di Google è infatti quella di diffondere il più possibile il suo assistente Leggi tutto&ellip;

Intel

Il 5G per alcuni BIG della tecnologia non è ancora molto lontano ormai…Intel punta al 5G con il suo nuovo modem XMM 7560.

Intel, una delle più grandi aziende tecnologiche al mondo, famosa per la produzione di processori per computer (best-seller di questo settore si può dire…), ha svelato la nuova una nuova generazione di modem per la Leggi tutto&ellip;

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: